Summer Sad: la depressione che colpisce in estate

depressione estate (1)

Siamo soliti associare la depressione ai mesi dell’anno più freddi, quelli in cui il cielo si fa via via sempre più grigio, le giornate si accorciano e la luce si riduce. Esiste, però, anche una forma di depressione estiva, molto spesso sottovalutata.

In entrambi i casi, stiamo parlando di SAD – Disturbo Affettivo Stagionale, una particolare patologia caratterizzata da episodi depressivi che si ripetono ogni anno seguendo la ciclicità delle stagioni.

L’estate come la fine di tutto

Le scuole finiscono, i negozi e i locali chiudono, gli amici vanno in ferie e la nostra rassicurante quotidianità viene meno, insieme ai nostri punti di riferimento. A venir meno sono anche i riti di conforto invernali più diffusi, come chiudersi in casa, guardare un film, bere qualcosa di caldo leggendo un libro, accoccolarsi sotto una morbida e calda coperta.

Divertirsi a ogni costo

D’estate, invece, l’idea di stare in casa da soli mentre gli altri sono fuori a divertirsi amplifica il nostro senso di isolamento, creando un divario sempre più netto tra noi e il resto del mondo.

La pressione sociale impone che l’estate sia il periodo dell’anno connesso alle vacanze, al divertimento, agli amici, ai nuovi amori e chi non riesce a soddisfare queste aspettative di entusiasmo perenne può sviluppare pensieri distorti e malinconici, sentirsi sempre più isolato alimentando un circolo vizioso di solitudine, vuoto e angoscia di separazione.

Questo imperativo al divertimento ingigantisce fantasie e illusioni condannandoci a un’inevitabile delusione.

“Dove vai in vacanza?”, “Quando parti?” sono domande che possono mettere in seria difficoltà, creando un forte senso di angoscia e malessere.

depressione estate (2)

Il lato “buio” del sole

L’estate favorisce l’insorgere di agitazione e insonnia in quanto il nostro cervello subisce l’influenza di fattori come la temperatura, il tasso di umidità e la durata dell’esposizione alla luce. Tutti questi fattori hanno un effetto sul ritmo sonno-veglia e su aspetti emotivi come ansia, panico, paura e aggressività, i quali aumentano con l’aumentare della temperatura.

Sintomi a cui prestare attenzione

La depressione estiva tende a manifestarsi attraverso una serie di sintomi quali possono essere:

  • ansia
  • insonnia
  • irritabilità, agitazione
  • sbalzi d’umore
  • apatia, mancanza di energie
  • spossatezza, stanchezza cronica
  • perdita di peso, mancanza di appetito
  • dolori articolari/muscolari
  • cefalea
  • isolamento sociale
  • compromissione della quotidianità e delle attività lavorative/scolastiche.

Come stare meglio

La depressione stagionale non può essere curata con metodi improvvisati o fai da te. E’ importante chiedere sostegno a uno specialista per valutare la necessità di intraprendere un percorso terapeutico. Non sono, infatti, da sottovalutare i rischi che tale depressione può indurre, come l’abuso di sostanze, di alcool o la messa in atto di condotte autolesive.