Finiscono le vacanze, finisce la coppia

L’estate è sinonimo di ferie e relax, eppure le statistiche non lasciano dubbi: nei mesi estivi i rapporti di coppia sono messi a dura prova e le percentuali ufficiali delle richieste di separazione che seguono la vacanza estiva sono oltre il 30% del totale.

Crisi coppia estate (1)

La vacanza tanto sospirata può trasformarsi in una battaglia

Andare in vacanza può essere stressante, specie se la si affronta con aspettative diverse. Quello che colpisce, leggendo i risultati di diverse ricerche, sono le situazioni che innescano litigi e discussioni: la scelta del ristorante, a che ora alzarsi la mattina, il programma della giornata e simili, come se, più che di reali motivi, si trattasse di pretesti per attaccare l’altro.

Tante coppie, il cui rapporto è già in crisi da tempo, tendono a riversare nelle vacanze una sorta di speranza, trasformandole nel banco di prova nel quale decidere se restare insieme o separarsi. La speranza è che, passando del tempo insieme, si ritrovi l’armonia di una volta e si superino i problemi della quotidianità.

In realtà, l’assenza della routine alimenta la crisi e aumenta le possibilità di conflitto. Più tempo si passa insieme, più si osservano quelle differenze e quei difetti che stanno mettendo in crisi il rapporto a due.

Con queste premesse, anche il minimo imprevisto può contribuire ad amplificare i problemi preesistenti, dando l’errata convinzione che non ci sia più nulla da fare.

Il problema non è la vacanza in sé

La questione è legata all’enorme aspettativa che, dopo un anno di stress sul lavoro, si riversa su questa pausa. Non si vede l’ora di fuggire ma, quando il momento arriva, si parte troppo stanchi, già tesi.

Le ferie comportano un cambiamento di ritmi e di orari, dove l’obiettivo principale è ricaricare le batterie, ma ritrovarsi per tutto il tempo a tu per tu con un’altra persona può trasformarsi in un boomerang: in vacanza, quando finalmente abbiamo tempo per pensare e per parlare, possono scatenarsi litigi e tensioni rimasti latenti per tutto l’inverno, momento dell’anno in cui la nostra attenzione è volta maggiormente al lavoro, alle spese mensili, alla gestione domestica e familiare.

Le vacanze rischiano così di trasformarsi nel momento ideale in cui far emergere conflitti e questioni rimaste in sospeso.

Crisi coppia estate (2)

Tempo di bilanci

La decisione di separarsi potrebbe già essere precedente al periodo estivo, ma ci si concede un ulteriore tentativo per provare a recuperare la relazione, approfittando del maggiore tempo che si ha per stare insieme. 

Il periodo estivo e quello natalizio sono momenti cardine dell’anno, durante i quali si tenta di fare il punto della situazione e tirare le somme sulla propria vita. È in questi particolari momenti che la separazione viene vista come soluzione a crisi che vanno avanti da tempo.

La pausa estiva rappresenta un momento di bilancio al quale non tutte le coppie sopravvivono, forse perché si ha più tempo a disposizione per rendersi conto di tutto quello che non va.

L’autunno, quindi, è solo l’anello terminale di un processo di separazione che ha attraversato tutte le stagioni.